GUJARAT 

DAGLI ADIVASI AL LEONE BIANCO

Un viaggio in Gujarat: terra di storia, spiritualità e bellezza naturale.

Da Ahmedabad, dov’è possibile visitare il più bel museo al mondo dedicato ai tessuti, esploreremo poi i variopinti villaggi tribali del deserto del Grande e Piccolo Rann del Kutch, dallo scabro e inospitale paesaggio, dove ha luogo la produzione dei migliori tessuti artigianali dell’India. Visitando templi dedicati al dio sole e alla divinità Shiva, oltrepassando antiche ed inespugnabili fortezze, ecco raggiungere la sacra Palitana, il maggior complesso religioso, come numero di templi, di tutta l’India, centro spirituale della religione jainista, che ha come precetto principale il rispetto assoluto degli esseri viventi: uomini, animali e persino taluni vegetali.  Imperdibile una sosta al Parco Nazionale Sasan Gir, ultimo rifugio del leone asiatico. Raggiunta l’antica enclave portoghese di Diu, guarderemo le navi rientrare al porticciolo di Vaknabara, dove al mattino presto si tiene il tradizionale mercato del pesce. L’ultima nostra scoperta sarà Champaner, l’antica capitale del Gujarat, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Un’occasione imperdibile per entrare in contatto con la grande spiritualità indiana.

 

Il matrimonio indiano

Il matrimonio in India  è considerato un sacramento; questa importate tappa della vita, assicura la continuità familiare attraverso la prole. Secondo i testi sacri la vita degli Indù è scandita da tappe necessarie ed auspicabili: dopo aver terminato  la fase di studente, l’uomo deve passare alla seconda tappa, quella di padrone di casa, Grihastha. Il matrimonio è una unione indissolubile non solo tra gli sposi, ma anche tra le due famiglie degli stessi.  Ancora oggi, in India, quasi la totalità dei matrimoni è organizzata dalle famiglie. E’ obbligo morale dei genitori prepararsi mentalmente e finanziariamente per rispettare il precetto di accasare i figli.   La scelta del partner viene fatta considerando diversi fattori:  casta, credo religioso, quadro astrale , stato sociale ed economico della famiglia.

Il quadro astrale ha un’importanza fondamentale nella scelta, in quanto l’astrologia è considerata una scienza a tutti gli effetti. Vengono interpellati astrologi illustri.  L’astrologia indiana, è il più antico sistema astrologico del mondo ancora vigente e definisce accuratamente la situazione di un individuo, le sue compatibilità ed incompatibilità di relazione presenti e future, basandosi sulla posizione dei pianeti rispetto al luogo e al momento nascita (come l’astrologia occidentale). L’astrologia vedica pero’  considera che le fortune o le sfortune di ogni esistenza terrena dipendano dal karma e che questo determini il particolare disegno astrale al momento della nascita di ognuno. L’astrologia  vedica parte del presupposto che tutto sia collegato, che ogni individuo sia un’anima incarnata in un corpo nato in particolari e specifiche condizioni: momento, luogo e situazione sociale, e che la sua vita terrena rifletta l’insieme.

Il matrimonio viene organizzato dalle famiglie degli sposi, ma costi, cosi come il corredo nuziale (composto principalmente da gioielli) è tutto carico della famiglia della sposa. Questa tradizione purtroppo  ha distrutto l’economia di intere famiglie creando grossi squilibri nelle nascite. La nascita di una femmina, per alcune famiglie è considerata una vera disgrazia .  Il matrimonio ha un rituale molto lungo e complesso. Il giorno precedente il matrimonio è un momento di grand festa e condiviosione tra la sposa e le amiche e le parenti della sposa. I piedi e le mani della sposa vengono dipinti con l’hennè, con la tecnica chiamata Mehndi. E’ una vera e propria cerimonia, una sorta di addio al nubilato. Musica tradizionale accompagna i canti beneaugurali e allusivi; oggigiorno spesso la musica viene sostituita con hits dei films bollywoodiani. E’ incredibile capire che, seppure l’innovazione si fonde con la tradizione, il matrimonio combinato rimane un  caposaldo della cultura indiana.

 

Date-Icon
DATE DI PARTENZA

  • Dal 15-01-2018 al  27-01-2018
  • Dal 26-03-2018 al 7-04-2018  

singolo-icon
INDIVIDUALI

  • Quota base 2 • Euro 3185

gruppi-icon
GRUPPI

  • Quota base 6 • Euro 2855
    (con accompagnatore indiano parlante italiano)
  • Suppl. singola • Euro 680

Programma di viaggio

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Ho letto e accettato l'informativa sulla privacy.