ETIOPIA

TOUR SPECIALE TIMKAT 2019

Una partenza speciale in occasione del Timkat l’Epifania in Etiopia – che festeggia il battesimo di Cristo nel fiume Giordano, ogni anno il 19 gennaio. L’Etiopia rappresenta l’unico caso di cristianesimo “africano” autoctono, non d’ importazione europea, ma di antica tradizione di diretta derivazione apostolica. I cristiani hanno qui dei rituali unici e profondi, apprendiamo così un diverso concetto di spiritualità religiosa, prendendo parti a tradizioni antiche e fortemente rispettate.  Il viaggio segue l’itinerario della Rotta Storica nel Nord dell’Etiopia, per ammirare gli scenari da sogno dell’altopiano centrale e settentrionale, tra antiche civiltà e paesaggi stupefacenti fatti di profondi canyon, precipizi e gole. A Gondar – la Camelot d’Etiopia- al mattino molto presto tutti alle piscine di re Fasiladas per assistere alla Santa Messa e al battesimo collettivo. Potremo ammirare nella folla i fedeli avvolti nei loro Shema bianchi ricevere la benedizione.I fedeli si bagnano con l’acqua santa, I giovani si immergono nella piscina, gli anziani la spruzzano sul volto… replicando il battesimo di Gesù. ..tutto questo cantando, ballando ai suoni di tamburo e agitando in alto i bastoni religiosi. Tutto questo intorno alla chiesa di Debre Berhan Selasie, capolavoro dell’arte sacra etiope. Continueremo sulla via dell’altopiano etiopico per raggiungere Lalibela, che con le sue leggendarie 11 Chiese Rupestri è Patrimonio dell’Umanità. Da qui Axum, infine, la casa della mitica Regina di Saba, capitale del lungo regno axumita, altra storia avvolta da leggenda e mito: qui infatti nelle chiese di Santa Maria di Sion, si dice essere gelosamente custodita l’Arca dell’Alleanza …Un viaggio culturale ma anche avventuroso, denso di immagini e carico di spiritualità, che ci porterà ad immergerci, a conoscere e rispettare la tradizione Copta e inoltre un viaggio nella storia antica dell’umanità.

Il Timkat

Secondo un’antica leggenda l’Arca dell’Alleanza, il mitico scrigno contenente le Tavole della Legge, prima conservata nel Tempio di Salomone a Gerusalemme, venne trafugata dal figlio di Salomone e di Saba, regina di Axum e portata in Etiopia. Sono passati più di tremila anni ma ancora oggi, in Etiopia, il culto dell’Arca è fortemente sentito da coinvolgere migliaia di persone in occasione del Timkat (Battesimo), una delle più importanti cerimonie del calendario liturgico etiopico. La celebrazione, meglio nota come Epifania etiope, che solitamente cade il 19 gennaio, viene festeggiata dodici giorni dopo il Natale copto e funge da rievocazione del battesimo di Cristo nel Giordano da parte di Giovanni il Battista.I rituali hanno inizio il giorno della Keterà, la Vigilia del Timkat, quando riproduzioni delle Tabot (le Tavole Sacre con i Dieci Comandamenti) vengono portate in processione in tutto il paese coperte da drappi colorati. Canti e balli ritmati da tamburi, corni e sistri accompagnano questo pellegrinaggio per tutto il paese fino alla vasca battesimale. All’alba del giorno successivo i sacerdoti cospargono con l’acqua benedetta le tabot, le croci, gli oggetti sacri e le persone presenti che per l’occasione si immergono nell’acqua richiamando il rito del battesimo nel Giordano. È l’inizio del Timkat, l’atmosfera che si respira è magica e per le strade un susseguirsi di nenie, litanie, musiche, danze, preghiere e processioni durano fino a sera. Dopo le cerimonie di abluzione, si festeggia San Michele Arcangelo e le Tavole riprendono, in lenta processione, la via di ritorno verso le chiese dove verranno custodite fino al Timkat dell’anno successivo.  Ad Axum come a Lalibela e Gondar, alcune tra le città più devote, folle di fedeli arrivano da tutto il paese. Nella cittadina di Axum, il Timkat ha un ancora sapore autentico. La tradizione vuole che la mitica regina di Saba abbia soggiornato ad Axum di ritorno dal viaggio presso il re Salomone. Sempre secondo leggenda ad Axum nacque il figlio Menelik I, avuto con il grande re, che anni dopo avrebbe trasferito in Etiopia la mitica Arca dell’Alleanza. Tutt’oggi la storia tramanda che l’Arca e le due tavole di pietra in essa custodite, siano conservate ad Axum in una piccola cappella vicina alla chiesa di Maryam Sion. L’ingresso a questa chiesa è consentito soltanto all’Abba Mekonen, il monaco custode che ha il compito di sorvegliare l’Arca fino alla morte.

Date-Icon
DATE DI PARTENZA

  • Dal 15-01-2019 al 25-01-2019

gruppi-icon
GRUPPI

  • Quota base 5-6 • Euro 3140
    (con accompagnatore dall’Italia)
  • Quota base 7-8  • Euro 2820
    (con accompagnatore dall’Italia)
  • Quota base 10  • Euro 2590
    (con accompagnatore dall’Italia)

gruppi-icon
GRUPPI

  • Suppl. singola • Euro 210
    (escluso Gondar)

Programma di viaggio

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Ho letto e accettato l'informativa sulla privacy.