IRAQ

TOUR IL KURDISTAN IRACHENO

“I curdi non hanno nessun amico, se non le montagne”, dice un adagio: ma parliamo di un precetto di pratica utilità, visto che dalla fine dell’impero Ottomano non hanno più avuto pace e molteplici battaglie hanno sempre visto come vittime il Kurdistan e il popolo curdo. Ma per noi visitatori le cose stanno diversamente: la gente curda è socievole, accogliente e gentile e il Kurdistan una terra di meravigliosi paesaggi inesplorati dal turismo oltre che di  tesori storici e archeologici che ne fanno la “culla della civiltà”. Si parte da Erbil, capitale storica del Kurdistan iracheno, esistente da circa 6.000 anni, testimone di fatti storici che hanno permeato nei secoli il destino dell’umanità. Dopo aver incontrato i monaci del bimillenario monastero di St Matthew, perlustreremo, rigorosamente scalzi, il villaggio di Lalish, centro sacro degli Yazidi. Le tombe di profeti, gli antichi monasteri, le chiese rupestri che visiteremo sono la testimonianza del passaggio in Kurdistan di tutte le principali religioni. Il risultato di secoli di guerre è che oggi la maggioranza dei curdi siano musulmani sunniti ma il  Governo regionale del Kurdistan protegge la libertà del popolo di praticare la loro religione e promuove la tolleranza fra i differenti credi. Dal periodo Assiro, invece, ereditiamo l’ antica città di Amadiya, la “città nel cielo”, che visiteremo prima di continuare il nostro viaggio attraverso le montagne suggestive della regione della tribù Barzani. L’epica Hamilton Road ci porterà a Sulaymaniyah, il cui bazar è il più grande di tutto il Kurdistan. Chiuderemo il nostro viaggio ad Halabaja, città che nel 1988  subì pesanti attacchi con le armi chimiche da parte di Saddam Hussein. I suoi monumenti e la sua rinascita ci ricordano come sia importante la pace nel mondo. 

 

Itinerario schematico

Giorno 1 – Italia – Erbil
Giorno 2 – Erbil
Giorno 3 – Erbil – Monastero di St. Matthew – Gaugamela – Lalish – Duhok
Giorno 4 – Duhok – Al Qush – Duhok
Giorno 5 – Duhok – Amadiya – Barzan (Kokek Mountain)
Giorno 6 – Barzan – Hamilton Road – Dokan – Sulaymaniyah
Giorno 7 – Sulaymaniyah – Halabja – Cascate Ahmed Awa – Sulaymaniyah
Giorno 8 – Sulaymaniyah – Zarzi Cave – Erbil
Giorno 9 – Erbil – Italia

 

Date-Icon
DATE DI PARTENZA

  • Dal 10 -10-2020 al 18-10-2020

gruppi-icon
GRUPPI

  • Quota base 10 • Euro 2830
    (con accompagnatore dall’Italia)

gruppi-icon
GRUPPI

  • Suppl. singola • Euro 420

I MIGLIORI MOTIVI PER FARE LA VALIGIA

  • Trovarsi di fronte alle imponenti e impenetrabili mura della Cittadella di Erbil (UNESCO).
  • L’emozionante incontro con i monaci di St. Matthew, uno dei più antichi monasteri del mondo.
  • Camminare scalzi per Lalish, luogo sacro degli Yazidi.
  • La storia della Chiesa d’Oriente nel monastero rupestre di Rabban Hormizd.
  • La città-fortezza di Amadiya, situata sulla cima di un alto promontorio.
  • Percorrere la Hamilton Road, una delle più incredibili imprese ingegneristiche dello scorso secolo.
  • Halabaja, per non dimenticare il genocidio dei curdi durante il regno di Saddam Hussein.

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Acconsento all'utilizzo dei dati personali come da informativa
Privacy