LIBANO

TOUR NELLA TERRA DEI FENICI

I migliori motivi per fare la valigia:

  • Baalbek il più sorprendente dei siti archeologici e i suoi misteri megalitici.
  • Il cedro del Libano Il cui legno, secondo l’Antico Testamento, fu utilizzato per edificare le colonne del tempio di Salomone.
  • Il Museo Nazionale di Beirut con la più singolare collezione di sarcofagi del mediterraneo orientale.
  • La magnificenza del palazzo di Beiteddine e la sua collezione di mosaici bizantini tra le più importanti al mondo.
  • Il tratto più suggestivo del Wadi Qadisha che arriva fino a Bcharré, il paese natale di Khalil Gibran .
  • Il fascino decadente di Tripoli, con la sua cittadella fortificata e il labirinto di vicoli del coloratissimo suq
  • La dolce vita di Byblos, quando il Libano era un luogo di convivenza politica e religiosa, ma anche di divertimento e di eccessi.

immagine_01Il Mistero dei megaliti di Baalbek

Uno dei più grandi misteri di Baalbek riguarda le sue fondamenta, che servirono d’appoggio al Tempio di Giove. Il Tempio poggia su un terrazzamento di impressionanti dimensioni, 465.000 metri quadrati,  costituito da  tre blocchi di pietra di dimensioni mastodontiche e di 800 tonnellate di peso ognuno. Il terrazzamento conosciuto come “Trilithon” è opera di una civiltà con avanzatissime capacità tecnologiche in campo edilizio. Infatti nonostante l’immane dimensione, i megaliti,  sono stati lavorati ed uniti l’uno accanto all’altro all’interno del basamento in cui è stato eretto il tempio di Giove, con una precisione tale che è quasi impossibile distinguere la fine di un blocco e l’inizio di un altro.