MADAGASCAR

TOUR ALLA SCOPERTA DELLA COSTA OVEST

 Alla scoperta di una delle parti più impervie ma naturalisticamente generose dell’intero Madagascar, il tratto di terra che dal centro degrada a sud ovest. Un caleidoscopio di microclimi e scenari, colori e situazioni che ci accompagnerà per l’intero tragitto,  con partenza da Antananarivo. Dai terrazzamenti di risaie della regione Imerina  eccoci in un batter d’occhio alle fresche montagne di Antsirabe, oasi urbana incastonata al centro del Paese, trasformata nell’800 in stazione termale dai missionari norvegesi e fucina dell’artigianato malgascio. Miandrivazo, piccolo villaggio ai piedi del fiume Tsiribihina, dista solo 220 km dall’altopiano,  ma  in così poco tempo veniamo catapultati in una delle aree  più calde e secche dell’isola: qui si coltiva il tabacco e scorrono tranquille – come quelle di un fiume dell’Africa equatoriale – le acque del fiume Tsiribihina.  Con una facile ma emozionante navigazione di due giorni su barca a motore e due pernottamenti in campo avremo accesso a zone remote del Paese altrimenti irraggiungibili, fino allo sbocco di Belo sur Tsiribihina. Da qui inizia  l’avventura  in 4×4 per Bekopaka, porta d’accesso al Parc National des Tsingy de Bemaraha, una delle aree protette più grandi e spettacolari del Madagascar, vera e propria miniera di specie endemiche, famosa ovviamente per le impressionanti formazioni carsiche grigie  – gli tsingy –  antico riparo ai misteriosi vazimba, primi abitanti del Paese, che qui celebravano i loro riti sacri.  Raggiungeremo poi  la  famosa Avenue du Baobab, a Morondava. Da qui, verso sud, incomincia la grande avventura lungo l’incontaminata costa occidentale, dove incontreremo villaggi di pescatori Vezo e Sakalava, tombe Mahafali e spiagge incontaminate. Da Tulear incominceremo la risalita verso nord per raggiungere il Parco dell’ Isalo che si caratterizza da un susseguirsi di profondi canyon, corsi d’acqua circondati da vegetazione tropicale, da piscine naturali e formazioni rocciose erose dagli agenti atmosferici, habitat di diverse famiglie di lemuri. La tappa successiva sarà Ranomafana  vero e proprio “ santuario della natura” , questa foresta tropicale umida che si estende per 41.600 ettari con felci arboree e alberi imponenti offre rifugio a  12 specie di lemuri, tra le quali il Microcèbe o Lépilémure, 96 specie di uccelli, alcuni Batraci e il Fossa, unico felino presente in Madagascar. Superata Ambositra, capitale malgascia della lavorazione del legno, rientreremo nella capitale  attraverso paesaggi ed altopiani dalle magnifiche risaie terrazzate. 

 

Itinerario schematico

Giorno 1 – Italia –  Antananarivo
Giorno 2 – Antananarivo
Giorno 3 – Antananarivo – Antsirabe
Giorno 4 – Antsirabe – Miandrivazo – Nosy Ampela (Tsiribihina)
Giorno 5 – Nosy Ampela – Begidro – Berevo (Tsiribihina)
Giorno 6 – berevo – Belo sur Tsiribihina – Bekopaka
Giorno 7 – Bekopaka
Giorno 8 – Bekopaka – Morondava
Giorno 9 – Morondava – Belo sur Mer
Giorno 10 – Belo sur Mer – Morombe

Giorno 11 – Morombe – Tsiandamba
Giorno 12 – Tsiandamba
Giorno 13 – Tsiandamba – Tulear – Ranohira
Giorno 14 – Parco Isalo
Giorno 15 – Ranohira – Ambalavao – Ranomafana
Giorno 16 – Ranomafana – Ambositra
Giorno 17 – Ambositra – Antananarivo
Giorno 18 – Antananarivo – partenza
Giorno 19 – arrivo in Italia

Date-Icon
DATE DI PARTENZA

  • Dal 12 -10-2019 al 30-10-2019

gruppi-icon
GRUPPI

  • Quota base 4 • Euro 3250
  • Quota base 8 • Euro 3170

gruppi-icon
GRUPPI

  • Quota base 10 • Euro 3280
  • Suppl. singola •  Euro   790

I MIGLIORI MOTIVI PER FARE LA VALIGIA

  • I villaggi sull’ Altopiano dell’ etnia Merina.
  • L’ avventurosa discesa del fiume Tsiribihina.
  • Esplorare a piedi gli Tsyngy di Bemaraha, sito Patrimonio UNESCO.
  • Uno scatto al tramonto sull “Avenue des Baobabs” di Morondava, la strada più famosa del Madagascar.
  • In 4x4 lungo le piste off road della costa ovest, attraversando villaggi Vezo e Sakalava, tombe Mahafali e spiagge incontaminate.
  • I paesaggi e i lemuri del Parco Isalo.
  • A caccia di micro-specie nella foresta pluviale di Ranomafana.
  • Ambositra e gli atelier d’arte Zafimaniry.

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Ho letto e accettato l'informativa sulla privacy.