Lo spettacolo dei sakura in fiore occupa gran parte della primavera e si può ammirare fine marzo/inizio aprile fino a metà maggio. L’tinerario proposto durante questo meraviglioso spettacolo della natura, è un classico: comprende le principali località e alcuni luoghi in grado di restituire l’atmosfera del Giappone dei samurai. Tokyo, la capitale, brulicante di persone e punto di riferimento per la modernità in Oriente, Tsumago e Magome due villaggi fermi nel periodo Edo e preservati nella loro autenticità, la splendida Nara e Kyoto, la culla della cultura giapponese. Accanto alle località più note, si visiteranno poi dei luoghi ameni e meno battuti dal turismo: Suwa, zona termale delle Alpi Giapponesi, il Lago Kawaguchi e la Valle Watarase, in cui sarà possibile ammirare ed apprezzare, la fioritura dei ciliegi, nella sua più poetica e sfacciata bellezza.

immagine_01L’Hanami

La primavera Giapponese, è caratterizzata dall’ Hanami la tradizionale festa dei ciliegi in fiore il qual nome deriva da “hana” che significa “i fiori”, “mi” (miru) che significa “vedere” da qui la traduzione letterale “ammirare i fiori“, infatti i giapponesi in questo periodo possono godere della bellezza della fioritura dei ciliegi da fiore (non danno frutti), i sakura. La leggenda narra che il colore dei fiori del ciliegio in origine fosse di un bianco candido ma a seguito dell’ordine di un imperatore di far seppellire i samurai caduti in battaglia sotto gli alberi di ciliegio, i petali divennero rosa per essersi nutriti del sangue di quei nobili guerrieri.